Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti pubblicita' e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Menu

Laboratorio Orchestrale

“Sono pochissime in Italia le persone che hanno occasione di suonare indipendentemente dal professionismo, e questo va a deperimento della fruizione stessa della musica: sarebbe bello che ci fossero in ogni città cori e orchestre amatoriali in cui medici, avvocati e perché no, anche operai si trovano la sera per suonare…” – STEFANO BOLLANI

Nell’autunno 2014, Officine Musicali ha dato vita ad un ambizioso progetto di musica d’assieme con l’intento di valorizzare e promuovere la pratica orchestrale a livello amatoriale e semi-professionistico.
Il Laboratorio Orchestrale, scaturito da questo progetto, è dedicato specificamente a tutti quei musicisti: amatori, studenti e diplomati che, indipendentemente dal personale percorso musicale e professionale intrapreso, vogliono continuare a coltivare con entusiasmo e nuovi stimoli la propria naturale curiosità e passione artistica.
Il Laboratorio Orchestrale rappresenta dunque un’importante opportunità d’incontro in cui principalmente poter: “fare musica di qualità insieme”, occasione oggi purtroppo sempre più rara all’interno del tessuto sociale italiano.
Il tutto tramite una valida e assai significativa esperienza formativa e di crescita musicale, attraverso lo studio e l’esecuzione di brani appartenenti ad un ampio e articolato repertorio.
A tal fine sono previste prove calendarizzate una volta alla settimana con: il supporto didattico, l’esperienza e la competenza di tutti gli stimati musicisti amici di Officine Musicali, che con convinzione si sono resi disponibili nel sostenere questa sfidante iniziativa.
L’obiettivo finale del progetto è quello di plasmare un nucleo affiatato di strumentisti in modo da costituire una Orchestra Ritmo Sinfonica/Big Band atta a divulgare e promuovere, soprattutto tra i giovani, l’immenso e straordinario patrimonio musicale rappresentato: dalle colonne sonore, dai musical, dalla commedia musicale, dal jazz, dalla musica leggera, ecc..

La direzione artistica e didattica del Laboratorio è affidata al Maestro Giuseppe Emmanuele

Il direttore artistico del Laboratorio Giuseppe Emmanuele Svolge attività di pianista, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra; Docente d’armonia, orchestrazione e perfezionamento strumentale e storia del jazz.
Nel 1981 inizia la sua attività come pianista jazz, con la “Royal Big Band”.
Nel 1983 forma con Massimo Greco l’AETNA JAZZ QUINTET, gruppo che si distingue subito per l’originalità degli arrangiamenti, partecipa, infatti, a numerosi festivals e registra concerti per RAI 3 e una sigla televisiva (sempre per RAI 3). Nel 1987 costituisce la CBO (CiTy Brass Orkestra) e alla guida di questa formazione collabora con Jazzisti di fama storica, quali: “Hannibal” Marvin Peterson; con lui eseguirà in prima nazionale la sinfonia “FLAME OF SOUTH AFRICA”- Lee Konitz - Jon Hendricks - Jack Walrat, con quest’ultimo è presente nel CD “THE SICILIAN JAZZ COLLECTIONS vol 3” – Phil Woods, con cui incide il doppio CD “PHIL ON ETNA” (Philology).

Nel 1989 vince come miglior gruppo al concorso“JAZZ EMERGENTE” di Forlì.
Nello stesso anno partecipa al concorso internazionale per arrangiatori e compositori “BARGA JAZZ”, classificandosi al secondo posto.
Ancora nel 1989 incide il primo album a suo nome: “A” WALTZ FOR DEBBY (Splasc(h)), con Pietro Tonolo e Paolo Fresu. Il disco, che ottiene gli elogi della critica sia nazionale che internazionale, gli fa guadagnare uno spazio nel DIZIONARIO ENCICLOPEDICO DEL JAZZ (Curcio).
Collabora con i maggiori musicisti italiani, suona ed incide con: Massimo Urbani “OUT OF NOWHERE” (Splasc(h)) – Franco Cerri – Mauro Negri - Enrico Rava e Claudio Fasoli che insieme ai già citati Tonolo e Fresu partecipano alla realizzazione del riuscitissimo “NORTH, SOUTH OR VICE VERSA” (AV ARTS) che lo proietta all’ottavo posto della classifica dei NUOVI TALENTI (Top Jazz ‘94).
Altre incisioni al suo attivo sono: “REFLECTIONS IN JAZZ” (Splasc(h)) in quintetto “PINK SUNRISE” (Naima Jazz) ancora una volta con la CBO. “WINTER SKY”(Pentaflowers) di Nello Toscano ed Enrico Rava con la partecipazione di Mauro Negri, nella duplice veste di pianista ed arrangiatore.
Dal 1993 al 1996 collabora o suona con numerosi jazzisti di fama internazionale, tra cui: Jimmie Owens, Charles Tolliver, Stevie Grossman, Lew Soloff, Dusko Goicovic, Chico Freeman.
Nel ’93 incide “INTO THE TRADITION” servendosi della CBO e della collaborazione del sassofonista afro-americano Larry Smith.
Nel 1996 incide il disco: “FROM USA TO MEDITERRANEO” (Splasc(H)), segnalato dalla critica statunitense come “Disco consigliato” (Cadens).
Nel 1999 viene pubblicato “REFLECTIONS IN JAZZ N° 2”, dove Emmanuele fa anche uso dell’orchestra sinfonica, e l’autorevole catalogo “ THE PENGUIN GUIDE TO JAZZ” lo classifica come grande disco.
Nel 2001 incide il suo secondo lavoro in Trio “CAFE’ DE LA RENAISSANCE” con il contrabbassista Alberto Amato e il batterista Giampiero Prina, elogiatissimo dalla critica estera.
Nel 2002 incide “SONG BOOK”, nato dalla collaborazione con l’autore e cantante Luca Lapenna, dove Emmanuele presenta nove composizioni originali, facendo esclusivamente uso della grande orchestra; realizzando così, praticamente, l’unico esempio nel genere della storia del jazz italiano.Ha diretto: dal 1987 al 1995 la City Brass Orchestra, dal 1998 al 2001 la “Big Band-It”di Como, incidendo il cd “O’ SOLE MIOPE”.
Nel 2003 dirige una propria Big Band: la -Jazz punto it- della quale fanno parte musicisti come: Giulio Visibelli, Achille Succi, Tino Tracanna, Beppe Caruso, Roberto Rossi, Alberto Mandarini, Stefano Bagnoli, Marco Ricci e altri. Con questa formazione incide un album per la Splas(h) rec. “JAZZ PUNTO IT”. Altri dischi al suo attivo: con artisti vari “SICILIAN JAZZ COLLECTIONS vol II”, Maria Patti “FIVE”, Gianni Bedori “CONTRO TEMPO”, Sandro Cerino “VIVALDI’S FOUR SEASONS”, Felice Reggio “QUADRATI DI FATICA”, “MIO CARO TENCO”, e con varie formazioni, tra cui Attilio Zanchi e Danilo Moccia “LIVE AT EUROJAZZ” poi, con Alessandro Castelli “… NON E’ UNA MALATTIA…” e, ancora con Maria Patti, “COME FLY WITH ME”, dove cura anche le orchestrazioni.Adesso, sotto contratto per la EMI, è stato pubblicato su etichetta Blue Note “NORTH SOUTH OR VV - The complete Score”, con ospiti: Claudio Fasoli, Paolo Fresu, Rudy Migliardi, Enrico Rava, Danilo Moccia, Pietro Tonolo, Francesco Manzoni, una big band e una sezione completa di archi.

Bookmakers bonuses with gbetting.co.uk click here